www.campagnadiabete.it
Diabetologo Online Aiutaci ad aiutare
home
Ricerca centri Le associazioni Società scientifiche Contattaci
 
 
 
Che cos'è il diabete

Quante persone ne soffrono

  Il diabete è una patologia in costante aumento in Italia e nel mondo, tanto che, per il 2025, l'Organizzazione mondiale della sanità prevede che il numero di persone affette da diabete possa raddoppiare.
  In particolare, nel mondo, 170 milioni di persone sono affette da diabete, numero destinato a crescere in modo esponenziale nei prossimi anni, soprattutto fra la popolazione con più di 40 anni. In Italia, oltre 3 milioni di persone ne sono affette e almeno 1 milione ne soffrono o stanno per soffrirne senza saperlo.

  Una glicemia elevata non provoca infatti né dolori né disturbi. Perciò è possibile essere diabetici per anni senza accorgersene. Ma, con il passare del tempo, l'innalzamento della glicemia danneggia reni, occhi, arterie, nervi, cuore.
  Tutto questo può essere fermato con pochi, semplici mezzi, ma bisogna scoprire il diabete per combatterlo.

  Nel nostro paese, il diabete è una delle cause più importanti di morte per malattia. Se non trattato oppure curato in modo improprio, gli elevati livelli di glicemia possono danneggiare lentamente le arterie di vari organi e sfociare in una serie di complicanze. La malattia coronarica (angina, infarto) è da 2 a 4 volte più frequente nei diabetici rispetto ai non diabetici; il diabete rappresenta inoltre la maggior causa di cecità fra gli adulti; in Italia i diabetici contribuiscono per circa un terzo ai nuovi casi di dialisi; la metà di tutte le amputazioni non legate a traumi è causata dal diabete; la patologia è un'importante causa di disfunzione sessuale. Con una cura adeguata ed attenta queste complicanze possono essere prevenute.
  Negli ultimi anni si assiste a un progressivo aumento dei casi di obesità nei bambini, che comporta l'insorgenza del diabete di tipo 2 in età giovanile e conseguentemente un elevato rischio di complicanze, in particolare di quelle cardiovascolari, in una fascia di età nella quale, fino a pochi anni fa, esse erano eccezioni.